Home arrow Notizie arrow Ci vuole un grande amore per la vita

Menu principale
Home
Chi siamo
Contattaci
Cerca
Link
Download
Forum
Banner
Mappa sito
Sondaggi
Amministratore
Ricerca nel sito
News
Notizie
News Feed
Rassegna stampa
Aree tematiche
Sicurezza stradale
Crash log
Incidenti ambulanze
Bandi e concorsi
Patente di servizio
Guida sicura
Autista soccorritore
Quesiti sul 118
1 1 2 emergency
burn out
Area tecnica
Congressi
Foto e video
Gallery
Gallery forum
patente a punti


carta europea della sicurezza stradale


Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! Yahoo! Joomla Free PHP
Google Translation
Translate This Website
 
Ci vuole un grande amore per la vita PDF Stampa E-mail

campione del mondo soccorso sanitarioL'intervista: 'Ci vuole un grande amore per la vita''.

Oltre 150 soccorsi d'emergenza, in Sri Lanka per lo Tsunami, in Montagna col soccorso alpino
Ed eccolo qua, Claudio Ciani, spezzino, anni 36 (è nato il 27 settembre del 1971), stato civile convinvente con Sara.
“Faccio l’infermiere al 118 dal 1999, lo sono diventato nel 1993”.

Campione del mondo di soccorso sanitario un po’ per gioco, “esiste certamente questa componente', racconta, ma soprattutto “per affinare la preparazione professionale, si sviluppano gli standard minimi in ambito extra ospedaliero, colleghi di tutte le nazionalità affrontano l’emergenza, dalla patologia di base alle maxi emergenze, si confrontano i metodi operativi, un lavoro al quale tengo molto, e che rispetto profondamente”.
Chi è l’infermiere?
“L’infermiere è la persona che sta più vicina al malato tra tutte le figure sanitarie che intervengono in caso di necessità, il contatto con il malato è continuo quasi fraterno, una simbiosi. Mentre il medico visita, fa la diagnosi, prescrive la terapia, noi lo controlliamo, lo osserviamo, lo accudiamo. Chi sceglie di fare questo lavoro deve avere un amore per la vita non comune. Io l’ho scelto quasi per caso, non c’è una ragione ben precisa a dire il vero. Quello che ho scoperto subito però è che non avrei potuto fare altro nella vita, mi piace il contatto con la gente. Rendo al meglio quando devo essere in campo per un’emergenza, quella vera”.
Perché?

 

“Perché mi sembra di dare veramente una mano in più, in pochi istanti puoi fare la differenza tra la vita e la morte di una persona, é una chance importante per la qualifica di infermiere di emergenza. Situazioni difficilmente vivibili in una corsia normale di medicina e chirurgia, capita più a lungo termine. Quando interveniamo in emergenza siamo soli io e il medico del 118: io e lui facciamo la differenza. La responsabilità significa essere utile in maniera decisiva”.
L’emergenza significa essere a contatto che le più dure e crude realtà
“In 10 anni di attività capita almeno un incidente o intervento grave al mese, dunque se faccio una stima ho partecipato ad almeno 150 operazioni, ormai sono abituato, anche se, devo dire non sempre ovviamente tutto si conclude per il meglio. E’ difficilissimo comunicare ad una persona la morte di un congiunto o le sue condizioni gravi. Quasi mai sono stato in difficoltà, è il mio lavoro. A parte un caso specifico: perdemmo il genitore di una persona a me carissima, fu molto molto difficile. Noi dobbiamo separare le emozioni dal lavoro, è la base della nostra professionalità, ma certo non è sempre possibile”.
Un po’ come quando capita a noi giornalisti di provincia nelle occasioni in cui dobbiamo recuperare fotografie di persone appena decedute, o testimonianze. E lo facciamo in diretta, a poche ore, o a pochi minuti dalle morti. “Già _ partecipa Claudio _ credo che non siano situazioni troppo diverse, ma _ aggiunge _ ci sono anche momenti di gioia quando un caso si risolve per il meglio. E qualche volta siamo gratificati noi infermieri: i protagonisti degli incidenti che abbiamo assistito, ed i loro parenti ci vengono a trovare e ci ringraziano. Noi stessi seguiamo i casi anche a distanza. Perché noi delle emergenze dopo un’ora o poco più lasciamo i parenti al Pronto Soccorso”.
Il miglior infermiere del mondo, lo spezzino Claudio Ciani, è anche uno generoso nel profondo.
Quando accade qualche sciagura nel mondo, lui parte. Come nel 2004, il giorno stesso del famoso Tsunami:
“Vidi le immagini al telegiornale _ racconta _ era il 26 dicembre del 2004, il 28 dicembre ero nello Sri Lanka, a Trinko Malee. E per parecchi giorni fui d’aiuto a quelle popolazioni particolarmente colpite”.
E poi non smette mai di lavorare perché quando non lavora va in montagna.
“Monte Bianco, Monte Rosa, la montagna è la cosa che mi piace di più, dopo il lavoro. E sono entrato a fare parte del Soccorso Alpino”. E ti pareva…. “Ho terminato l’addestramento, cosa vuoi… queste è la mia indole”.
Complimenti a Claudio Ciani, lo spezzino che per lavoro aiuta chi ne ha realmente bisogno.
Onorati tutti di essere tuoi conterranei, anche perché i tanti aiuti che presti alle persone, sono anche un po’ quelli che dovremmo fare anche noi, spettatori di questa opera mirabile. Tua e di tutti i tuoi colleghi infermieri. Di fronte ai quali, ci inchiniamo. 

http://www.cittadellaspezia.it/leggi_articolo.asp?id=27608&sp=10

 



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! Yahoo! Joomla Free PHP
 
< Prec.   Pros. >
Facebook



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! Yahoo! Joomla Free PHP
Bacheca
 
* Registratevi per avere la possibilitÓ d'inserire commenti, pubblicare articoli o semplicemente per inviare un web link del vostro sito da pubblicizzare... * Il nuovo sito Ŕ in fase di aggiornamento continuo, inviateci un'email con i vostri consigli... * L'autista risponde in prima persona dei reati commessi nell'esercizio delle proprie funzioni...
 
Sondaggi
Patente di servizio per i conducenti dell'emergenza sanitaria
 
Fattori di rischio per Autisti di Ambulanza, quali i principali?
 
Statistiche

w3c css



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! Yahoo! Joomla Free PHP
Utenti: 4311
Notizie: 270
Collegamenti web: 58
  stilbruch-projekt.de